Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quella, per civirtà, lo pôi di' forte,
è l'unica nazzione che ce resta:
eh, in tante cose! speciarmente in questa:
come te tratta er condannato a morte.

Quanno ch'er boja j'ha da fa' la festa
prova la ghijottina du' o tre vorte;
sarebbe un'emozzione troppo forte
de faje ritrovà la testa in testa!

Doppo ch'ha fatto, va a svejà er pazziente,
lo fa vestì, l'aiuta a fa' toletta
e je domanna: — Commannate gnente? —

E je passa er cognacche, er zabbajone...
Ah, in Francia, hai voja a di', c'è l'etichetta:
viva la faccia de l'educazzione!



Questa poesia è stata letta 1186 volte