Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Omaggio alla spigola

Aldo Fabrizi

La spigola arivata l'antro giorno,
Madonna mia, pareva 'na balena:
E me la sò gustata a pranzo e cena
Pe' primo, pe' seconno e pe' contorno.
Bollita, fritta, arosto, ar sugo, ar forno,
So' stato nove giorni a panza piena.
Insomma è stata come 'na novena
In onore dell'azienda de soggiorno.
Però più ch'er profumo e la freschezza
Er comprimento ch'o gradito assai
È stato quello della gentilezza.
E me sò detto: aho, si sò native de Anzio 'ste persone,
Comm'è che lì c'è nato Calligola e Nerone?



Questa poesia è stata letta 3115 volte