Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sofisticazioni

Aldo Fabrizi

L'usanza de li tempi de Lucullo
de liberasse con un dito in gola,
nun serve più, la panza fa da sola...
e se ribella ar genere fasullo.

Per? l'Annona marcia come un rullo
e quanno un da magnà nun je sfaciola
sequestra, fa l'analisi pignola,
denuncia... e poi finisce a mecce nullo.

E stamo ar punto che pe' ricchi e poveri,
co' tutte l'ispezioni dell'Igiene,
nun c'è sta posto manco a li ricoveri.

Nell'Ospedali nun ce va più uno,
Pronti Soccorsi e Cliniche so' piene...
Ma carcerato nun ce va nesuno!



Questa poesia è stata letta 3080 volte