Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Spaghetti ar primo sole (Io e mi moje)

Aldo Fabrizi

Doppo 'na festa caciarona e sciarba,
Fatta de zompi, battimani e fischi,
Sostanno a le fontane e a l'obbelischi,
Un po' allegrotti ricasamo all'arba.

Dico: "Però 'sti cotijò che barba...
Quant'era mejo qui cor magnadischi..
A proposito... Forse... È stato er vischi...
Volemo fa 'na cosa che ci aggarba?"

"Sarebbe?" "Du' avvorgibbili... A la lesta!"
"La pasta a 'st'ora? Pe' l'amore de Dio!
L'ho sempre detto che sei scemo in testa!"

"Vabbè sò scemo... E tu... Si quanno è fatta...
Nun la gradisci..."; "Eh, no tesoro mio;
Si tu sei scemo io mica sò matta!"



Questa poesia è stata letta 5152 volte