Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

È mezzanotte e c'è la luna piena.
Una Tigre e una Jena
escheno da la tana e vanno in giro
co' la speranza de trova da cena.
Ma se guardeno intorno
e nun vedeno gnente.
— Aspetteremo che se faccia giorno; —
pensa la Tigre rassegnatamente
— però — dice — se sente —
un fru-fru tra le piante...
— Chi c'è? una donna? e che farà a quest'ora?
— Aspetterà un amante...
— Cammina con un'aria sospettosa...
— Quarche cosa c'è sotto... — Certamente
c'è sotto quarche cosa.
Cià un fagotto... lo posa... — È una pupazza...
— Ma che pupazza! È 'na cratura viva!
Pare che chiami mamma! E mó? L'ammazza!
È la madre!... Hai capito?
— Come? la madre?! Verginemmaria! —

La Tigre spaventata scappa via
e la Jena cià un occhio innummidito...



Questa poesia è stata letta 899 volte