Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Finita la lettura der verdetto
che rimannava libbero er pittore,
scoppiò un evviva e tutte le signore
faceveno così cór fazzoletto.

Nun te dico le scene! Er difensore
je dette un bacio e se lo strense ar petto,
una regazza je buttò un bijetto,
una signora volle daje un fiore...

E quanno uscì je fecero lo stesso:
che sbattimano! che dimostrazzione!
Cristo, la folla che j'annava appresso!

Solo una vecchia curva e sganghenata
rimase ferma, a piagne in un cantone...
Forse la madre de l'assassinata.

II

Sto fatto te dimostra chiaramente
la gran bontà der popolo, per via
che, quanno ha da pijà 'na simpatia,
per chi la pija? per un delinquente.

L'assassinato è sempre un propotente...
Er testimonio a carico è 'na spia...
Er reo viè assorto... Evviva la giuria..
E vedi tutto che finisce in gnente.

Se domani, pe' fattene un'idea,
quer boja de Nerone, ch'è Nerone,
telegrafasse: «Arrivo co' Poppea»,
er popolo direbbe: — Me ne glorio! —

E j'annerebbe incontro a la stazzione
co' le fanfare de l'educatorio!



Questa poesia è stata letta 2631 volte