Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Somarello scapolo un ber giorno
decise de sposasse una cavalla,
e fece una gran festa ne la stalla
co' tutti l'animali der contorno.
Ciannò la Mosca, er Ragno,
er Grillo, la Formica,
er Sorcio co' l'amica,
la Gatta cór compagno,
er Porco co' le fije,
la Vacca co' l'amante,
e un sacco de famije
de bestie benestante.

Er Toro, che faceva er testimonio,
je recitò un sonetto d'occasione
su la felicità der matrimonio.
Er sonetto finiva: — Da l'unione
d'una coppia de spósi così belli
verrà fòra un bellissimo Leone!
— Ma no, te sbaji: — disse un Porcospino
che je stava vicino —
da una Cavalla e un Ciuccio nasce un Mulo.
— Lo sapevo da prima!
— rispose er Toro — Ma, per le signore,
ho preferito de nun fa' la rima...
Eppoi, Mulo o Leone, è stabbilito
che, fra noi bestie, er fijo de la moje
è veramente fijo der marito...



Questa poesia è stata letta 1951 volte