Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La Mosca disse ar Ragno:
— Fatichi notte e giorno
senza concrude un corno,
senza nessun guadagno:

lavori inutirmente
perché la tela tua nun serve a gnente...
— Invece ciò un fottìo d'ordinazzione!
— rispose er Ragno — Devo fa’ una rete
pe' ripescà l'idee d'un frammassone
ch'è diventato prete;
ho da rimette a novo la camicia
per una vecchia cicia: la Morale,
che, poveraccia, paga la piggione
e dorme pe' le scale;
e, pe' de più, bisogna che ricucia
un buggerìo de sacchi rivortati
per imballà la stima e la fiducia...
— E queli fili ch'hai finiti jeri?
— je domannò la Mosca — a chi l'hai dati?
— Eh! quelli — dice — so' lavori seri,
so' affari delicati...
Con uno ciò legato la bilancia
in mano a la Giustizzia,
e coll'antro ciò stretto l'amicizzia
fra l'Italia e la Francia...

14 dicembre 1913

Questa poesia è stata letta 869 volte