Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Prima

Te l'aricorderai: quarch'anno addietro,
quanno parlava come segretario
der commitato rivoluzzionario,
nu' l'areggeva più manco San Pietro!

Ogni cinque parole er Commissario
je tirava la giacca a parteddietro;
era lui, sempre primo, a sfascia er vetro
de quarche bottegaro temerario.

Lui combinava le dimostrazzione,
lui faceva li scioperi, ché allora
nun ciaveva nessuna occupazzione.

Come aveva da fa'? Naturarmente,
pe' sostené l'idee de chi lavora
era finito pe' nun fa' più gnente.

Adesso

Ma dar giorno ch'ha aperto l'osteria
ha innacquato perfino l'ideale:
e se je canti l'Internazzionale
c'è puro er caso che te cacci via.

Nun strilla più né viva l'anarchia
né viva la repubbrica sociale;
mó trova che lo sciopero è un gran male
e qualunque sommossa è una pazzia.

Giusto jeri je dissi: — Come mai?
Che cambiamento!... — Eh, — fece lui — se spiega:
oggi che sto in commercio, capirai...

Adesso, quanno m'arzo la matina,
nun ciò più che una fede: la bottega,
nun ciò più che un pensiero: la vetrina.

2 luglio 1914

Questa poesia è stata letta 1130 volte