Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Eh! la signora je la crocchia forte!
Tutti li giorni cià 'na simpatia:
prima er tenente de cavalleria
e adesso er professore de pianforte.

Er marito? Fa er tonto. Certe vorte
viè a casa a un'ora, pranza, rivà via,
se ripresenta pe' l'avemmaria,
rimagna, fuma un sighero e risorte.

Lui fa er geloso quanno vô bajocchi;
lei, che lo sa, lo pija co' le bone,
je dà la pila... e allora chiude l'occhi.

Diventa bono, affabbile, gentile...
Ma che marito! Quello è un ciancicone
approvato dar Codice Civile!



Questa poesia è stata letta 891 volte