Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una matina er Re de la Foresta
entrò ne la bottega d'un barbiere;
dice: — Famme er piacere
de levamme 'sti ciuffi da la testa;
mó nun so' più li tempi d'una vorta:
abbasta co' li manti e le criniere!
Oggi, un Sovrano pratico,
dev'esse democratico
speciarmente nell'abbito che porta.
Pija er rasore, dunque:
e taja e raschia infìn che nun me vedi
spelato come un suddito qualunque! —
Er barbiere obbedì, ma fece male:
perché doppo mezz'ora, er Re Leone,
ammalappena entrò drent'ar portone
der palazzo reale,
er popolo lo prese
per un cane danese
e nu' je fece la dimostrazzione.



Questa poesia è stata letta 3192 volte