Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Se seguita così, so' rovinato!
Ora viè l'esattore cór bijetto,
ora arriva un uscere cór precetto
pe' quarche conto che nun ho pagato.

Oggi, appena so' uscito, ho rincontrato
er solito strozzino che m'ha detto:
— Se nun pagate subbito l'effetto
darò l'incartamento a l'avvocato... —

Sempre una storia! E nun te dico er resto!
Ogni giorno un avviso de cambiale,
ogni giorno un avviso de protesto.

Banca d'Italia... Banca Commerciale...
Ma come! in un momento come questo?
Dove sta la concordia nazzionale?

giugno 1915

Questa poesia è stata letta 1002 volte