Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

In un villino avanti a casa mia,
tutte le sere vedo una signora
ch'accenne un lume, fa un segnale e allora
va su un bell'omo a faje compagnia.

'Sto marcantonio, che nun so chi sia,
cià un grugno da tedesco ch'innamora
e, data quela visita a quell'ora,
m'è venuto er sospetto ch'è una spia.

La stessa cammeriera se n'è accorta:
e sere fa, cór coco e co' la balia,
se misero a sentì dietro la porta.

Però nun hanno ancora stabbilito
se lo riceve a danno de l'Italia
o a danno solamente der marito.

dicembre 1916

Questa poesia è stata letta 2085 volte