Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ner vedello sortì je corsi appresso.
Dico: — Sor conte, pensi ar pagamento...
— Oh — dice — questo qui nun è er momento,
eppoi, pe' strada, nun ho mai permesso...

— Ma io ciavevo fatto assegnamento:
— dico — me paghi come m'ha promesso...
Nun sa che co' 'sta guerra ciò rimesso

armeno un quattromila e cinquecento?...
— Lei sparge le notizzie esaggerate! —
m'ha detto er conte: e ne l'uscì dar vicolo
ha visto quattro guardie e l'ha chiamate.

Quelle so' corse e, assieme a un ufficiale,
m'hanno arrestato a norma de l'articolo
trecentotré der Codice Penale.

dicembre 1916

Questa poesia è stata letta 660 volte