Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Bijetto da Mille,
riposto in una vecchia scrivania,
diceva: — Er mi' padrone è un imbecille:
so' già quattr'anni che me tiè rinchiuso
come un pezzo de carta fóri d'uso!

Puzzo de muffa... Che malinconia!
Invece, se m'avesse
tenuto ne le casse de lo Stato,
a parte l'interesse
ch'avrebbe guadagnato,
servivo a fa' le spese
pe' rinforzà er Paese.

Ma er padrone è ignorante e nun capisce
che er mi' valore cresce in proporzione:
so' forte finché è forte la Nazzione,
m'indebbolisco se s'indebbolisce.

Se fosse un omo pratico
me terrebbe a la Banca certamente;
ma qui drento che fo? Nun conto gnente
e perdo tempo come un dipromatico.

18 febbraio 1917

Questa poesia è stata letta 2092 volte