Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er fijo d'un gueriero disse all'Aquila:
— Aquila mia! Siccome
so' fijo de mi' padre
e ciò lo stesso nome,
me vojo mette ne li panni sui
pe' fa' l'eroe pur'io
come faceva lui.
Quanno m'infilerò quela montura
combatterò sur campo de l'onore
e la vittoria mia sarà sicura.
Ma tu, che sei l'ucello de l'eroi,
dovressi famme prima la promessa
de restamme vicino più che pôi;
se sei l'Aquila stessa
ch'accompagnò papà, resta co' noi. —
L'Aquila disse: — Sì, so' propio quella
ch'accompagnò tu' padre e me ne vanto
ma co' te nun ce vengo, scusa tanto:
nun me la sento de finì in padella.
Che credi tu? che l'eroismo sia
una cosa che va da padre in fijo
come la ditta d'una trattoria?...
No, caro; guarda a me:
io, in fonno, rappresento la Vittoria:
ma mi' fija, però, che nun cià boria,
sta ar Giardino Zologgico, perché
nun vô sfruttà la gloria de famija
pe' fasse un postarello ne la Storia.

1910

Questa poesia è stata letta 985 volte