Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un giorno una Signora forastiera,
passanno cór marito
sotto l'arco de Tito,
vidde una Gatta nera
spaparacchiata fra l'antichità.

— Micia, che fai? — je chiese: e je buttò
un pezzettino de biscotto ingrese;
ma la Gatta, scocciata, nu' lo prese:
e manco l'odorò.
Anzi la guardò male
e disse con un'aria strafottente:
— Grazzie, madama, nun me serve gnente:
io nun magno che trippa nazzionale!

1913

Questa poesia è stata letta 3776 volte