Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER BARBIERE E L'AVVENTORE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

In questo qui so' come San Tomaso,
o Sonnino o Giolitti, sia chi sia...
— Famme la barba, Pippo, tira via...
— Er proletario ormai s'è persuaso

che se un governo de la borghesia
sfrutta er lavoratore, in de 'sto caso...
— Abbada, Pippo, m'insaponi er naso...
— È tanto peggio pe' la monarchia!
— Peggio per me! me scortichi! fa' piano!...

— Ma intanto er socialismo progredisce...
— Attento ar pedicello!... — E a mano a mano...

— M'hai fatto du' braciole sur barbozzo...
— Un giorno o l'antro sa come finisce?
— Finisce che me taji er gargarozzo!



Questa poesia è stata letta 2081 volte