Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Ah! biù! Cammina! Ah! biù... —
Er vecchio Ciuccio che stracina er carico
propio nu' ne pô più.
— Come fatichi, povero Somaro!
— j'abbaia un Cane — E indove vai de bello?
— Devo portà 'sta carta ar salumaro
— risponne er Somarello —
Sarà quarche quintale, capirai!
Se tratta de la resa d'un giornale...
— De quale? — Nu' lo so, ma pesa assai! —

Subbito er Cane, inteliggente e pratico,
guarda er caretto e dice: — Ho già capito:
dev'esse l'Avvenire Democratico
che stampa li programmi der partito,
eppoi de tanto in tanto li raduna
in tutte balle da un quintale l'una. —

Er Somaro cammina a testa bassa
sotto le tortorate der padrone:
ogni botta che scegne sur groppone
la sente rintrona ne la carcassa,
e intanto pensa: «La democrazzia
è stata sempre la rovina mia!»

1920

Questa poesia è stata letta 2371 volte