Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un povero Conijo umanitario
disse al Leone: — E fatte tajà l’ogna!
levete quel'artiji! È 'na vergogna!
Io, come socialista, so' contrario
a qualunque armamento che fa male
tanto a la pelle quanto a l'ideale.

— Me le farò spuntà... — disse el Leone
pe' fasse benvolé dar socialista:
e agnede difilato da un callista
incaricato de l'operazzione.
Quello pijò le forbice, e in du' bòtte
je fece zompà l'ogna e bona notte.

Ècchete che er Conijo, er giorno appresso,
ner vede un Lupo co' l'Agnello in bocca
dette l'allarme: — Olà! Sotto a chi tocca! —
El Leone je chiese: — E ch'è successo?
— Corri! C'è un Lupo! Presto! Daje addosso!
— Eh! — dice —me dispiace, ma nun posso.

Prima m'hai detto: levete l'artiji,
e mó me strilli: all'armi!... E come vôi
che s'improvisi un popolo d'eroi
dov'hanno predicato li coniji?
Adesso aspetta, caro mio; bisogna
che me dài tempo pe' rimette l’ogna.

Va' tu dal Lupo. Faje perde er vizzio,
e a la più brutta spàccheje la testa
coll'ordine der giorno de protesta
ch'hai presentato all'urtimo comizzio...
— Ah, no! — disse er Conijo — Io so' fratello
tanto del Lupo quanto de l'Agnello.

gennaio 1915

Questa poesia è stata letta 3837 volte