Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ner mentre che un Agnello
se n'annava ar macello,
sentì un Montone che strillava: — Evviva!
Fatte coraggio! Pensa quant'è bello
de morì per l'idea, tutt'a vantaggio
de quela gente che rimane viva!
La vita, in fonno, è un ponte de passaggio
che ce riporta tutti all'antra riva...
— Tu parli propio bene, amico mio,
— je rispose l'Agnello — e se pur'io
facevo in tempo a diventà montone
sarei de la medesima opinione:
ma invece de scoccià, come fai te,
con una mucchia de parole belle,
risicherei la pelle...

che me procura quela luce interna:
ogni vorta che accènno la lanterna
li Pipistrelli arroteno li denti...

— Capisco, — disse er Rospo — rappresenti
la Civirtà moderna
che per illuminà chi sta a l'oscuro
ogni tantino dà la testa ar muro...

18 giugno 1916

Questa poesia è stata letta 789 volte