Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Mimì, la Gatta nera, ha partorito,
ha fatto sei micetti e tutti e sei
nun cianno a che fa' gnente cór marito.
E pensa fra de lei: — De chi saranno?
der gatto bianco che trovai sur tetto
o der moretto che incontrai l'antr'anno?
Ma, — dice — sia chi sia,
so' tutti usciti da la panza mia. —

E li guarda, li lecca, li sbaciucchia,
finché se sdraja, e allora ogni micetto
cerca cór muso er caporello e succhia.
— Succhiate, pure, o fiji,
succhiate pure senza comprimenti,
così sarete forti e propotenti
e nun farete come li coniji,
ché in oggi tutta quanta la cariera
dipenne da li denti e da l'artiji.

Quanno vedete un cane
che vô rubbavve er pane,
prima che ve lo tocchi
portateje via l'occhi.
Fate er dovere vostro fino in fonno:
nun ve scordate mai che Dio ve fece
per ammazzà li sorci d'ogni spece
che lui stesso ha creato e messo ar monno.
E questo ve dimostra chiaramente
che la lotta de razza che c'è adesso
co' tutto l'odio che se porta appresso
la preparò Dio Padre Onnipotente.



Questa poesia è stata letta 1060 volte