Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Loreto, Pappagallo ammaestrato,
doppo trent'anni ritornò ner bosco
propio dov'era nato.
Er padre disse: — Come sei cambiato! —
La madre disse: — Nun te riconosco!
— So' diventato 'na celebbrità!
— rispose er Pappagallo co' la boria
d'un professore d'università —
Ho imparato a memoria
una dozzina de parole belle...
— Dodici sole?... — Sì, però so' quelle
che l'ommini ce formeno la Storia
e che so', su per giù, le litanie
de li discorsi e de le poesie:
Iddio, Patria, Famija, Fratellanza,
Onore, Gloria, Libbertà, Doveri,
Fede, Giustizzia, Civirtà, Uguajanza...—
La madre disse: — Fijo, parla piano,
nojantri nun volemo dispiaceri...



Questa poesia è stata letta 1332 volte