Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Centogamme disse: — Stammatina,
ner contamme li piedi, me so' accorto
che ce n'ho solamente una trentina!
Io nun capisco come
me so' fatto 'sto nome
se er conto de le gambe nun combina...
— E nun te fa' sentì, brutt'imbecille!
— je disse sottovoce un Millepiedi —
Pur'io so' conosciuto, ma te credi
che li piedi che ciò so' propio mille?
Macché! so' centottanta o giù de lì;
io, però, che lo so, nun dico gnente:
che me n'importa? C'è un fottìo de gente
ch'è diventata celebre così!

26 marzo 1915

Questa poesia è stata letta 1016 volte