Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'APE, ER BACO E LO SCORPIONE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un'Ape, ne l'uscì dall'osteria
con un Baco da seta e 'no Scorpione,
je disse: — Grazzie de la compagnia:
spero de rivedevve a casa mia
in un'antra occasione.
Io, però, nun ricevo che a la sera
perché lavoro e tutta la giornata
fabbrico er miele e fabbrico la cera.
— Pur'io fatico e filo Dio sa quanto,
— fece er Baco da seta — e nun me resta
libbera che la festa...
— Su la tabbella der portone mio
— je disse lo Scorpione — ce sta scritto:
«Cammera del Lavoro». Lì sto io.
Per me qualunque giorno è indiferente,
so' pronto a fa' bisboccia a qualunqu'ora:
venite puro su libberamente...
— E voi che fate? — Gnente,
ma organizzo la gente che lavora.

29 marzo 1916

Questa poesia è stata letta 1937 volte