Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una povera Pecora imprudente,
passanno un fiume spensieratamente,
cascò nell'acqua, fece: glu-glu-glu,
e nun se vidde più.
Naturarmente, tutte le compagne,
saputo er fatto, corsero sur posto
e incominciorno a piagne.
— Povera Pecorella!
— Lei ch'era tanto bona!
— Lei ch'era tanto bella! —

Puro l'Omo dannò: ma, ne la furia
de dimostraje la pietà cristiana,
invece de strillà: — Povera Pecora! —
strillò: — Povera lana!

5 aprile 1914

Questa poesia è stata letta 839 volte