Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Bisogna che rimetta li colori.
— aveva detto la Farfalla bianca
mentre cercava de succhià li fiori —
Me vojo fa' un bell'abbito de moda
coll'ale d'oro filettate lilla
e un velo color celo su la coda.
Chissà quante passioni
farò tra li mosconi de la villa! —
Un'Ape che girava tra le rose
j' agnede incontro e disse: — Amica mia,
nun è er momento de pensà a 'ste cose...
Er sangue de li fiori che te piji
lo levi a me, che sudo e che lavoro
pe' protegge li fiji
ne le casette loro.
Che te ne fai dell'ale tutte d'oro
se poi l'ucelli barberi
agguattati sull'arberi
te s'affiareno addosso co' l'artiji?
Io sola, che ciò un ago sempre pronto
pe' vendicà un affronto,
potrebbe ripijà le parte tue;
ma se però me levi la maniera
de rinforzamme l'arma, bona sera!
Restamo buggerate tutt'e due!

novembre 1916

Questa poesia è stata letta 1459 volte