Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Li Sorci bianchi dànno una gran festa
in una bella casa signorile;
un Gatto, che passeggia ner cortile,
ner sentì li rumori arza la testa.
Mentre li Sorci rideno fra loro,
arriva un Pipistrello mijonario
assieme a la signora Sorcadoro.
Er Gatto appizza er muso
e, un po' indeciso, guarda un lucernario
cór finestrino chiuso...

Incomincia la musica. Ogni coppia
s'abbraccica, se strigne e se strufina;
quarche maschio se sbronza e quarche femmina
pija la cocaina.
Er Gatto, risoluto,
move la coda morbida
come fosse una frusta de velluto,
e imbocca a precipizzio
le scale de servizzio.

— Ve vojo fa' ballà da la finestra!
— barbotta er Micio mentre fa le scale —
Sentirete che musica! —
L'orchestra
fa er galoppo finale...



Questa poesia è stata letta 1492 volte