Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Gatto s'incontrò con un amico:
— Come va? — Se campicchia... — E indove stai? —
Dice: — Lavoro in quer palazzo antico.
Uh! li sorci ch'acchiappo! Nun te dico!
Nun fìnischeno mai!
Che stragge! Che macello!
Fa piacere a vedello!
Però, ne la soffitta der palazzo,
c'è la moje d'un sorcio co' la fija
e quelle, poveracce, nu' l'ammazzo:
prima per un riguardo a la famija
eppoi perché me fanno
trecento sorci all'anno...
In certe circostanze è necessario
un po' de sentimento umanitario...

30 ottobre 1916

Questa poesia è stata letta 615 volte