Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

In un Albergo, un Micio,
pe' raggioni d'ufficio,
faceva l'ispezzione der locale.
Ècchete che una sera,
appena vidde un Sorcio pe' le scale,
s'agguattò, l'appostò; ma l'animale
scappò drent'a una trappola che c'era
e ce restò rinchiuso, a bocca sotto,
cór muso sfranto e cór codino rotto.
— Che buggiarata hai fatto!
— je disse allora er Gatto —
Te se' ito a schiaffa tra l'ingranaggio
per un po' de formaggio...
— Nun è per questo: —je rispose lui —
io cercavo una strada più sicura
pe' libberamme da l'artiji tui:
ma, stupido che fui,
so' cascato in un'antra fregatura!
— Se ciavevi un po' più de senso pratico,
— je disse er Micio — risparmiavi un guajo.
Da dove sei sortito? dar bagajo
de quarche dipromatico?

1916

Questa poesia è stata letta 1015 volte