Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanno che lo Scorpione s'innamora
chiama la Scorpioncina, je s'accosta
e lì je fa la solita proposta
come se fosse propio una signora.
Pija un pretesto pe' portalla a spasso
de dietro a quarche sasso,
je zompa addosso eppoi
credo che su per giù fa come noi.
Ma er divario sta in questo: la compagna,
appena ch'è finito er pangrattato,
s'avventa su l'amico disgrazziato,
l'ammazza, lo fa a pezzi e se lo magna.

Una vorta, in campagna,
viddi 'sta scena e dissi in mente mia:
— Sarà quarche delitto passionale,
soliti drammi de la gelosia... —
Ma la Scorpiona indovinò er pensiero
e disse: — Nun è vero!
Pe' nojantre è un istinto naturale
ch'è la legge più bella che ce sia.
Noi sapemo ch'er maschio è traditore:
finché j'annamo a ciccio è così bono
che ce spalanca tutto: anima e core
e ce mette su un trono.
Ma, appena trova quello che cercava
e s'è levato li capricci sui,
monta sur trono lui
e la povera femmina è la schiava.
Io, però, che so' furba e previdente,
pe' nun vedé la fine de l'amore
ammazzo er maschio anticipatamente... —

E con un'aria de soddisfazzione
la Scorpioncina agnede fra le piante
pe' rosicà la coda de l'amante:
l'urtimo avanzo de la relazzione.

10 agosto 1917

Questa poesia è stata letta 968 volte