Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanno venne er Diluvio Universale
Noè schiaffò le bestie drento all'Arca
pe' protegge l'industria nazzionale.
Più ce se mise lui
co' li tre fiji sui
e quattro donne pe' scopà la barca.

Piove che t'aripiove, in pochi giorni
tutta la terra diventò un gran mare
da nun distingue manco li contorni.
L'acqua sfasciò li ponti,
arivò su li tetti de le case,
arivò su la cima de li monti...
Nun rimase che l'Arca solamente
sballottolata in mezzo a la corente.
Ècchete che una sera
Noè chiamò le bestie una per una,
ma er Pollastro nun c'era.
— E che ce fai co' la Gallina sola,
— je chiese un'Oca — se te manca er Gallo
ch'è er perno de la razza pollarola?
— Perché nun è montato quer vassallo?
— strillò Noè — Sarebbe un ber disastro
de dovè rimané senza pollastro!
Bisogna ripescallo...

— Ah, no! — rispose er Pollo
ch'era rimasto a mollo —
Io preferisco de' morì affogato
piuttosto che restà sacrificato
con un padrone che me tira er collo!
Sarà quer che sarà, per conto mio
nun m'arimovo! Addio! —

Fu allora che Noè
volle attastallo ne li sentimenti.
Je disse: — Nu' la senti
la Gallina che strilla coccodè?
Povera cocca! Soffre tante pene,
piagne, sospira... Quanto te vô bene!
Nun parla che de te... —

A 'ste parole er Pollo arzò la testa
con un chicchirichì tanto de core
che je fece tremà tutta la cresta.
E er pensiero de lei fu così forte
che disse: — Vengo! Hai vinto la partita!
La Morte, spesso, è mejo de la Vita,
ma l'Amore è più bello de la Morte!

10 maggio 1917

Questa poesia è stata letta 2937 volte