Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI ROSPI CONTRO L'AQUILA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

A mezzanotte, se nun c'è la luna,
la Lega de li Rospi se raduna
sull'orlo d'un pantano puzzolente.
Ecco ch'er Presidente
se sgargarozza e spiega
lo scopo de la Lega,
ch'è quello de da' addosso
a chi nun sente simpatia p'er fosso.
— Cari colleghi, la diffamazzione
è tutta una questione de maniera:
in certe circostanze fa più effetto
una cosa che nasce da un sospetto
che quanno nasce da una storia vera.
Dunque inventate, giù! Sotto a chi tocca!
cór fiele in core e cór veleno in bocca!
Nell'urtima riunione
se la semo pijata cór Leone;
stanotte, invece, avemo da di' male
dell'Aquila reale,
in modo che j'arivi e je rimanga
quarche schizzo de fanga... —
Un vecchio Rospo scivoloso e grasso,
spaparacchiato su la panza floscia,
slarga le cianche debboli e se scoscia
per arrivà su un sasso.
— Compagni! — dice poi —
L'Aquila che se dà tutta 'sta boria
nun è che la ruffiana de la Gloria
che specula sur sangue de l'Eroi!
— È vero! — Bene! — Bravo! — Morte all'Aquila!
— Abbasso! — Evviva noi! —

Er Rospo fa un inchino
e ricomincia la requisitoria:
— Io nun capisco come
quela bestiaccia co' quer becco a uncino
s'è fatto tanto nome ne la Storia!
Per me nun cià che un merito! Uno solo!
Vola! E va be'. Ma a che je serve er volo?
Nojantri Rospi senza annà lontano
vedemo tutto er monno che se specchia
ner fonno der pantano:
dunque nun è 'na cosa necessaria
d'arivà, come lei, tanto per aria!
— Perché je torna conto!
— barbotta un socio — Infatti ciò la prova
che certi giorni, prima der tramonto,
rubba l'oro a le nuvole che trova...
— È una ladra! Una spia!
— strilla er più giallo de la compagnia —
Ma, se viè qui, je romperemo l'ossa!
J'addrizzeremo quele gambe storte!
— Morte a l'infame! — Morte! —

E la buriana seguita, s'ingrossa
e l'improperie schizzeno più forte.
Ma appena spunta in cima a la montagna
la prima luce rosa
che ridà li colori a la campagna,
ogni Rospo s'azzitta e con un zompo
se rischiaffa nell'acqua mollacciosa.
Ciacchete! Un tonfo e poi... nun resta a galla
che quarche bolla e un po' de schiuma gialla...



Questa poesia è stata letta 2001 volte