Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Vedete quel'ometto sur cantone
che se guarda la panza e se l'alliscia
con una spece de venerazzione?
Quello è un droghiere ch'ha mischiato spesso
er zucchero cór gesso
e s'è fatta una bella posizzione.
Se chiama Checco e è un omo che je piace
d'esse lasciato in pace.
Qualunque cosa che succede ar monno
poco je preme: in fonno
nun vive che per quella
panzetta abbottatella.

E la panza j'ha preso er sopravvento
sur core e sur cervello, tant'è vero
che, quanno cerca d'esternà un pensiero
o deve espone quarche sentimento,
tiè d'occhio la trippetta e piano piano
l'attasta co' la mano
perché l'ajuti ner raggionamento.

Quanno scoppiò la guerra l'incontrai.
Dico: — Ce semo... — Eh, — fece lui — me pare
che l'affare se mette male assai.
Mó stamo a la finestra, ma se poi
toccasse pure a noi?
Sarebbe un guajo! In tutte le maniere,
come italiano e come cittadino
io credo d'avé fatto er mi' dovere.
Prova ne sia ch'ho proveduto a tutto:
ho preso l'ojo, er vino,
la pasta, li facioli, er pecorino,
er baccalà, lo strutto... —

E con un'aria seria e pensierosa
aggricciò l'occhi come pe' rivede
se nun s'era scordato quarche cosa.
Perché, Checco, è così: vô la sostanza,
e unisce sempre ne la stessa fede
la Madre Patria co' la Madre Panza.

gennaio 1915

Questa poesia è stata letta 1131 volte