Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un'Aquila nera,
pe' fa' la provista
de miele e de cera,
piombò sur paese
dell'Ape e je prese
la robba che c'era.
(Che belle pretese!
Che bella maniera!)

Fu un vero massacro,
fu un vero macello:
sfasciò tutto quello
ch'è bello e ch'è sacro.
cór becco e l'artiji
je ruppe le case,
je sfranse li fiji...
ma l'Ape rimase.
Rimase, e, se adesso
va in cerca de fiori
pe' fa' li lavori
che j'hanno soppresso,
l'Italia amorosa
je manna una rosa...

6 gennaio 1915

Questa poesia è stata letta 1258 volte