Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanno è calato er sole
risento le parole
d'un canto che se perde
ne la campagna verde.
Arissomija a un coro:
a un coro de giganti
che cammineno avanti
abbracciati fra loro.
La cantilena pare
che nasca da la terra,
che venga su dar mare.
— Nun ve scordate — dice —
de chi se trova in guerra,
de chi combatte e more
sur campo de l'onore.
Sperate co' chi spera,
penate co' chi pena... —

La bella cantilena
se perde ne la sera...

13 agosto 1916

Questa poesia è stata letta 2861 volte