Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER DRAGO E ER RANGUTTANO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un Drago che ciaveva quattro teste
voleva fa' la pelle a un Ranguttano
che s'era intrufolato piano piano
pe' sradicà li boschi e le foreste.
Ma er Drago, benché fosse coraggioso,
rimaneva indeciso e pensieroso
perché ogni testa, disgrazziatamente,
la pensava in un modo diferente.

Lo Scimmiotto capiva e, manco a dillo,
s'approfittava de l'indecisione:
— Finché fanno così, vado benone:
— diceva fra de sé — rubbo tranquillo.
Io tengo quattro mani, ma ar momento
che devo fa' quer dato movimento
ognuna m'ubbidisce a la parola
perché è guidata da una testa sola. —
Allora er Drago, che magnò la foja,
riunì le teste e ce formò un cervello
con un pensiero solo, ch'era quello
de fa' a pezzetti lo Scimmiotto boja.
— Parlamo meno, ché er silenzio è d'oro!
— diceveno le teste fra de loro —
Prima vincemo! E a l'occasione poi
cominceremo a... raggionà fra noi!

6 febbraio 1916

Questa poesia è stata letta 1155 volte