Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Guarda, guarda l'Orso Bianco
come corre! Ammalappena
ch'ha spezzato la catena
de l'antico sartimbanco,
zompa, balla e nu' l'aregge
né la forza né la legge.

— Finarmente — dice l'Orso —
posso fa' quer che me pare
come un pesce in mezzo ar mare,
senza freno e senza morso.
Ciò penato, ma d'adesso
so' er padrone de me stesso.

E pe' vede se è sicuro
d'esse libbero abbastanza
se dà un pugno su la panza,
sbatte er grugno contro un muro,
pe' da' l'urtima culata
su la neve insanguinata.

E rimane in una posa
libberale indipennente,
fra l'evviva de la gente
che lo guarda sospettosa
perché dubbita e s'aspetta
quarche brutta piroletta.

— Ho finito d'esse schiavo!
Poveretto chi me tocca! —
dice l'Orso. Da ogni bocca
sorte un «bene», sorte un «bravo»,
ma nessuno se ne fida
perché manca chi lo guida.

— Doppo tanti tiremmolla
nun ciò più nessun padrone!
— È giustissimo! Ha raggione! —
Ma già vedo che la folla
cerca un novo sartimbanco
che ripiji l'Orso Bianco.

aprile 1917

Questa poesia è stata letta 1168 volte