Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Correte ché c'è un Lupo che ce scanna! —
strillaveno le Pecore dar monte.
Er Pecoraro, che scoprì l'impronte,
pijò er fucile e uscì da la capanna.
— Lo farò secco come Dio commanna
con una palla in fronte! —

Ma er Lupo ch'era furbo,
viste le brutte, disse: — Famo pace!
So' stato boja, sì, ma me dispiace
e, te domanno scusa der disturbo...
Anzi, da 'sto momento,
sarò più bono, metterò giudizzio
e aggirò con un antro sentimento...
— Nun se frega er santaro!
— rispose er Pecoraro —
Tu perdi er pelo, ma nun perdi er vizzio:
e, a costo de qualunque sacrifizzio,
finché nun sposti, miro,
finché nun caschi, sparo!



Questa poesia è stata letta 1145 volte