Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

C'era una madre che diceva ar pupo:
— Brutto cattivo! Se nun perdi er vizzio
de rosicatte l' ogna, chiamo er Lupo
che te mette giudizzio... —

Un Lupo che l'intese
pensò: — Come so' buffi a 'sto paese!
Ce tratteno da barberi e da ladri,
eppoi le stesse madri
chiameno a noi per educà li fiji
co' li boni consiji!
Ma badino, però! Ché se riesco
a compramme l'occhiali, cambio nome,
vado su a casa e me presento come
Professore tedesco.
Così, mentre j'insegno la cultura,
scanno la madre e magno la cratura! —

E una sera ciannò. Ma appena entrato
je parse de sentì come un rumore
e vidde un antro Lupo ammascherato
da vecchio Professore.
— Adesso Dio lo sa come finisce!
— disse drento de sé — Questo me frega... —
Ma quello, invece, s'accostò ar collega
e chiese: — Spicche inglisce?

16 gennaio 1916

Questa poesia è stata letta 2618 volte