Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er Cane disse ar Gatto: — D'ora in poi
ce rivolemo bene tutti quanti.
È finita la guerra! Da qui avanti
er bon esempio lo daremo noi.

Boni, tranquilli, tutt'e due vicini,
tra un'occhiatina, una carezza e un bacio,
potremo vive come pappa e cacio
più peggio de li popoli latini.

— Se — disse er Gatto — in quarche circostanza
te sgraffio l'occhi, nun ce fa' più caso... —
Er Cane disse: — Se te magno er naso
passece sopra e nun je da' importanza...

— Quanno er padrone nostro magna er pollo
divideremo l'ossa tra noi due...
— Ma se le mie so' meno de le tue
se pijeremo subbito p'er collo...

— E doppo avé spartiti li bocconi
ritorneremo a fa' le controscene
pe' dimostra che se volemo bene...
come la Società de le Nazzioni.

gennaio 1919

Questa poesia è stata letta 862 volte