Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'antro giorno ho veduto in un museo
un feto sotto spirito, in un vaso,
co' la mano attaccata in cima ar naso
com'uno che facesse marameo.
Dicheno ch'è un fenomeno: un abborto
d'un feto de sei mesi nato-morto.

Fa un po' senso, è verissimo: ma poi,
quanno lo vedi in quela posizzione,
pare che piji in giro le persone
come volesse di': — Questo è per voi!
So' nato-morto, sì, ma grazzie a Dio,
data l'umanità, sto mejo io.

Er monno è una commedia. Io ch'ho capito
ch'è tutta una baracca inconcrudente
ciò fatto capoccella solamente
per un'affermazione de partito:
e, da la mossa de la mano mia,
potete di' ch'affermazzione sia.

Nun ero nato pe' bagnà la terra
de lagrime, de sangue e de sudore:
per me sarebbe stato un bell'onore
d'anna à morì ammazzato in quarche guerra,
ma invece me ne sto drento ar museo,
guardo la gente e faccio marameo...

20 febbraio 1916

Questa poesia è stata letta 1635 volte