Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un intoppato se fermò davanti
ar muro d'una casa e barbottava:
— Devo passà de qui: nun ce so' santi!
Com'è che jeri a sera
'sta casa qui nun c'era?
M'hanno chiuso la strada, m'hanno chiuso,
pe' famme sbatte er muso! —

S'aridunò la folla. — Uh! che tropea!
— Pretenne forse che se scansi er muro?
— Vô passà pe' de qui! Guarda ch'idea!
— È matto de sicuro!
— E c'incoccia! — E c'insiste!
— E ce batte de cassa! — E ce s'inquieta!
— 'Ste propotenze nun se so' mai viste! —

Io guardavo e dicevo fra de me:
— È un capriccio d'un povero intoppato:
se invece, Dio ce scampi, fosse stato
Imperatore o Re,
la folla, persuasa,
buttava giù la casa.



Questa poesia è stata letta 788 volte