Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Rumori de posate,
de piatti e de bicchieri:
via-vai de cammerieri,
incrocio de portate:
risotto, pesce, fritto...
Che pranzo! Che cuccagna!
Li tappi de sciampagna
ariveno ar soffitto;
chi parla, chi sta zitto,
chi ciancica, chi magna...

Guarda laggiù la tavola
d'onore! Quanta gente!
In mezzo c'è un Ministro
che nun capisce gnente,
eppoi, de qua e de là,
tutte notorietà,
nomi più o meno cari
d'illustri fregnacciari.
S'arza er Ministro e resta
in una certa posa
come pe' di' una cosa
che già s'è messa in testa.
E, ner caccià le solite
parole rimbombanti
che j'empieno la bocca,
aggriccia l'occhi e tocca
la robba che cià avanti,
pe' dà più precisione,
a quel'idee che espone,
pe' mette più in cornice
le buggere che dice.
E parla der «riscatto»
coll'indice sur piatto;
vô la «fierezza antica»
e impasta la mollica,
cercanno l'argomenti
fra tre stuzzicadenti.
— La Patria — dice — spera... —
E scansa la saliera.
— L'Italia — dice — aspetta... —
E agguanta la forchetta
come se sventolasse una bandiera.

Appena ch'ha finito
je fanno un'ovazzione:
— Bravo! — Benone! — Evviva!...
— Che bella affermazzione!
— Tutto 'sto movimento
— pensa er Ministro — prova
ch'er Popolo è contento...
— Se fanno tante scene,
— barbotta er Coco — è segno
ch'hanno pranzato bene...

10 marzo 1914

Questa poesia è stata letta 3029 volte