Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanno finì la guerra
l'Eroe piantò la bajonetta ar muro
e se rimise a lavorà la terra.
Era stato ferito cinque vorte,
ma se sentiva l'anima più forte
e er braccio più gajardo e più sicuro.
E disse: — Se la vanga è arruzzonita
la farò ritornà lucida e bella,
e invece de la morte
seminerò la vita. —

Mentre faceva 'sto raggionamento
vortò la testa e vidde da lontano
un omo, dritto, co' le braccia stese,
in un campo de grano.
— E tu che vôi? — je chiese —
Sei gnente er deputato der colleggio
che se prepara er solito maneggio
pe' cojonà er paese?
Cerchi per caso un popolo imbecille
che pagherà le chiacchiere che fai
co' le carte da mille?
Chi rappresenti? forse un giornalista,
un eroe de la penna stilografica
ch'ha fatto l'avanzata co' le spille
su la carta geografica?...
O sei piuttosto er solito tribbuno
arrampicato su la groppa nostra,
ch'ammalappena che se mette in mostra
nun vede più nessuno?
Ah! no! te riconosco!
Tu sei lo Spauracchio incaricato
de spaventà li passeri der bosco...
Nun hai cambiato mica,
ch'Iddio te benedica!
Me l'aspettavo! Doppo tanti strazzi
ch'ho sofferto sur campo de battaja,
ritrovo li medesimi pupazzi
imbottiti de paja,
pronti a ricomincià la pantomima
cór sistema de prima!
Ma adesso basta, caro mio: te vojo
da' foco cór petrojo...
— Ma che petrojo, un cacchio!
— strillò lo Spauracchio —
Se doppo trenta mesi de trincea
hai cambiato d'idea,
te devi ricordà che sei tu stesso
che un giorno me ciai messo:
e mó, per così poco,
me vorressi da' foco?
Io, per lo meno, servirò a protegge
er grano de li campi, e nun fo danno
come purtroppo fanno
li pupazzi approvati da la legge!

1918

Questa poesia è stata letta 869 volte