Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che te ne viè in saccoccia quanno hai pianto?
T'ha lassato pe' quello? Poco male:
si lei se fa cosà da l'ufficiale,
tu méttete co' Giggia e fa' artrettanto.

La donna cià quer vizzio naturale:
prima vô bene nun se sa si quanto,
poi se stufa e è finito; pe' me tanto,
oneste o no, so' tutte tale e quale.


E quanno te se magneno de baci
che nun te dànno tempo de risponne,
mica è pe' gnente: è segno che je piaci;

ma nun te crede che te s'affezzioni:
nu' lo sai che l'amore de le donne
è sempre una rottura d'illusioni?



Questa poesia è stata letta 9175 volte