Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Te ricordi der primo appuntamento
quanno ch'avemo inciso er nome nostro
su quela vecchia lapida der chiostro
de dietro ar cortiletto der convento?
Fui io che scrissi: «Qui
Carlo baciò Mimi.
Quindici maggio millenovecento».
Più de vent'anni! Pensa! Eppure, jeri,
ner rilegge quer nome e quela data,
quasi ho rimpianto l'epoca beata
che m'è costata tanti dispiaceri:
e t'ho rivisto lì, come quer giorno,
coll'abbitino de setina lilla
e er cappelletto co' le rose intorno...
— Tutto passa! — dicevo — Le parole
che scrissi co' la punta d'una spilla
sfavilleno sur marmo, in faccia ar sole,
ma nun so' bone de rimette in vita
una cosa finita... —
Stavo pe' piagne, quanno, nun so come,
ho visto scritto su lo stesso posto
un'antra data con un antro nome:
«Pasquale e Rosa: li ventotto agosto
der millesettecentoventitré».
Allora ho detto: — Povero Pasquale,
sta un po' peggio de me...



Questa poesia è stata letta 4856 volte