Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er vecchio dava segni de pazzia.
Me disse: — In quela scatola de latta
ciò chiusa drento l'anima ch'ho fatta
pe' la biondina ch'è scappata via...
— Che dichi? Hai fatto un'anima?... — Sicuro!
E ciò messo lo spirito più puro
perché serviva pe' la donna mia.

L'ho fabbricata al lume de le stelle
in una notte piena de passione,
co' li pensieri de le cose bone,
co' li sospiri de le cose belle...
— E la donna?... — La donna ha preso er volo
e so' rimasto solo...

— Lassela perde pe' la strada sua,
— je dissi allora — stupido che sei.
L'anima che credevi de fa' a lei
nun è ch'er sopravanzo de la tua...
— È giusto: — fece er matto a denti stretti —
un'antra vorta, invece de fa' l'anima,
je fo li stivaletti... —

Er vecchio dava segni de pazzia.
La notte me strillò: — Damme una mano
pe' ripescà la Luna ner pantano,
ch'è scivolata ne la porcheria.
La vojo portà a casa,
'sta Luna ficcanasa,
che guarda indiferente
l'infamie de la gente,
perché nun ha capito
ch'er monno s'è ammattito! —
E detto fatto entrò
nell'acqua sporca, ma
dodici rospi fecero cro-cro
e sei ranocchie fecero cra-cra...
— Tirate er fiato a voi! —
je disse er matto, eppoi
co' tutt'e due le braccia
cercò ne la mollaccia.
— Bisogna ripescalla
'sta vecchia faccia gialla,
che quanno ride pare
che pensi solo ar mare
e invece, sottomano,
se ficca ner pantano... —

Ma a un certo punto l'acqua lo coprì
e er vecchio matto nun se vidde più.
Dodici grilli fecero cri-cri
e sei cecale fecero cru-cru...
La Luna piena, intanto,
che guardava la scena fra le stelle,
rideva a crepapelle...

15 agosto 1916

Questa poesia è stata letta 1844 volte