Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Volle resta co' me perché la zia
j'aveva dato un'ombrellata in testa.
— Vedrai che sarò bona, sarò onesta...
Carlo! — me disse — nun me mannà via!
Sennò, lo sento, faccio una pazzia!... —
Io, che leggevo, j'arisposi: — Resta. —

Tutta la gente disse: — Ma ch'ha fatto?
S'è presa a casa quela scivolosa...
Povero Carlo! È diventato matto! —

Naturarmente me n'innammorai:
l'amore è un'abbitudine; ma un giorno,
pe' via d'un fregno che je stava intorno,
me disse: — Carlo... me ne vado, sai?
Vado a Milano e forse nun ritorno... —
Io, che scrivevo, j'arisposi: — Vai. —

Tutta la gente disse: — L'ha piantato...
Se vede che c'è sotto quarche cosa...
Era tanto carina... Che peccato! —

Un mese fa rivenne. Nun ve dico!
Quanno me vidde me baciò le mani
come pe' ricorda l'amore antico...
Eppoi me disse: — Partirò domani:
però, se me rivôi, pianto l'amico... —
Io, che fumavo, barbottai: — Rimani. —

La gente disse subbito: — Hai sentito?
Se l'è ripresa e forse se la spósa...
Povero Carlo! S'è rincojonito!



Questa poesia è stata letta 1884 volte