Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun bevo che Frascati. Lo sciampagne
me mette in core come un'allegria
per una cosa che m'ha fatto piagne:
o pe' di' mejo sento
che er piacere che provo in quer momento
è foderato de malinconia.
Er botto che fa er tappo
quanno la stappo, er fiotto de la schiuma,
ch'esce, ricresce, friccica e finisce,
me rappresenta la felicità
che, appena nasce, sfuma:
che, come viè, sparisce.

Prova ne sia che tengo sur comò
una vecchia bottija de spumante,
ma nu' la bevo e nu' la stapperò;
perché me fa l'effetto che in quer vetro
ce sia riposta un po' de quela gioja
sincera e bella de tant'anni addietro,
È come una riserva. Forse un giorno,
combinazzione rivenisse lei,
chissà... la stapperei
pe' festeggià er ritorno;
ma lo spumante è un vino che svapora,
perde la forza... e allora
che figura ce faccio
se nun zompa er turaccio?



Questa poesia è stata letta 1473 volte